Focus avversari: GE.VI. NAPOLI

Una squadra in continua evoluzione alla ricerca della sua struttura definitiva. La Ge.Vi. Napoli si presenta al PalaFacchetti dopo il convincente successo contro Trapani (62-49) che ha permesso ai partenopei di raggiungere proprio al Bcc a quota 18 punti. Sacripanti ha completato ulteriormente l’assetto del roster con l’inserimento del pivot Iannuzzi, aggiunta arrivata dopo quelle di Mastellari ed Erkmaa. La Ge.Vi. proverà ad affidarsi al proprio pacchetto di esterni formato da Monaldi, Roderick, Chessa ed il duttile Sandri. L’arrivo di Iannuzzi ha invece dato una pericolosità interna superiore ad un reparto che si affidava soprattutto alle qualità di Brandon Sharrod oltre che all’esperienza di Spizzichini.

IL QUINTETTO

# 32 Diego MONALDI, Play.  Classe 1993, 185 cm, Diego Monaldi proviene dalla serie maggiore, avendo trascorso le ultime due annate a Sassari e Pesaro. Regista che costruisce il gioco ma che, all’occorrenza, si trasforma in una combo guard, mortifera dall’arco dei 6.75, pericolosa nel traffico in area, e pregevole passatore. Nato ad Aprilia, cresce nel vivaio della Virtus Roma, prima di trasferirsi a Siena dove completa il suo percorso a livello giovanile, ed esordisce in A con i bianco verdi. Veste poi le canotte della Brandini Firenze (A Dil), di Casale Monferrato (Legadue), Bari (Legadue Silver), Reggio Calabria, Chieti (uno dei suoi migliori bienni con un impiego di 32.2 minuti, 12.5 punti, 3.1 assist e 2.9 rimbalzi a gara). L’ultimo anno da protagonista a Chieti gli vale la chiamata di Sassari in Serie A prima, e di Pesaro poi. Con la Nazionale ha vestito la maglia azzurra in tutte le categorie giovanili (oro di Tallin 2013 con la U20 di Sacripanti e convocazione nel 2015 nella Nazionale Sperimentale guidata da Attilio Caja). Va a referto in stagione con 11.1 punti (52%2 e 34%3), 3.4 rimbalzi e 2.8 assist ad uscita.

# 10 Massimo CHESSA, Play/Guardia. Prodotto del vivaio sassarese, il classe ’88, per 188 cm, inizia la sua carriera cestistica nel Basket 90, ma già all’età di 17 anni firma un contratto con la Dinamo Sassari in Legadue. Nel 2009 firma un triennale con Biella, dove esordisce nella massima serie. Nell’estate 2012 si trasferisce alla Scaligera Verona, per poi tornare in Piemonte alla PMS Torino. Nel mercato invernale del 2014 torna a Sassari, dove vince lo storico scudetto. Dopo aver vinto Supercoppa, Coppa Italia e scudetto coi sassaresi, si trasferisce a Trapani in Serie A2 e poi alla Virtus Roma (76 gare disputate e 665 punti segnati). Ingaggiato dalla GeVI in corsa, il tiratore (36% in stagione da 3, 50% da 2 e 100% ai liberi) vanta anche buone qualità di passatore, ma il suo marchio di fabbrica sono i tiri dalla distanza. Le sue medie, finora: 7.9 punti, 2 rimbalzi ed un ottimo 60% da due e il 39% da tre.

# 8 Terrence RODERICK, Guardia/ala. L’esperto USA, proviene dalla strepitosa stagione da MVP alla BB14 Bergamo, dove è stato il trascinatore dei cittadini fino alla semifinale. Atletismo pure, schiacciatore infallibile, qualità offensive eccellenti, immarcabile in 1vs1, è sicuramente la punta di diamante della squadra di Sacripanti. Nonostante non viaggi con % alte da 3, è un giocatore spesso in doppia doppia, grazie anche all’intelligenza a rimbalzo. Roderick inizia la sua carriera alla Northeast Prep School di Philadelphia, per poi passare al college alla University of Alabama at Birmingham. Firma nel vecchio continente con i Traiskirchen Lions, in Austria, dove chiude l’anno con 18 punti e 6 rimbalzi di media. Arrivain Italia nel 2010 con Caja a Rimini (in Legadue 16 punti e 6.5 rimbalzi), poi Cremona (Serie A: 7.1 punti di media in 11 partite), Forlì (Legadue : 17.8 punti, 7.2 rimbalzi e 4.4 assist di media). Dopo la parentesi in Israele (Hapoel Eilat, Maccabi Haifa e Maccabi Kiryat Gat) torna in A2 ad Agropoli (19.1 punti, 7.1 rimbalzi e 5 assist), Ferrara (16.5 punti, 6.3 rimbalzi e 4.4 assist) ed infine Bergamo (20.4 punti, 10.8 rimbalzi e 6 assist). La stagione attuale lo vede assoluto protagonista, iscrivendo a referto 15.4 punti (50% da due e 31% da tre), 7.3 rimbalzi e 4.5 falli subiti ad allacciata di scarpe.

# 12 Daniele SANDRI, Guardia/Ala. Nato a Milano nel 1990, Sandri cresce nelle giovanili della Benetton Treviso, conquistando lo Scudetto U19 nel 2007. Nel 2010 si trasferisce a Castelletto Ticino, per poi tornare a Treviso e nel 2012 firmare un biennale con Torino, dove vince il campionato, agguantando la promozione in LegaDue Gold e sfiorando la finale playoff nel 2014. Nel 2014 firma con la Virtus Roma, poi passa a Casalpusterlengo (8.5 punti e 4.5 rimbalzi), ed ancora Roma nel 2016-17 (10.5 punti, 5.1 rimbalzi e 3.2 assist), poi Siena (10.6 punti, 3.6 rimbalzi e 2.7 assist), fino alla scorsa stagione, quando torna per la terza volta nella capitale, centrando la promozione a A (8 punti di media, tre rimbalzi e 2 assist/gara)  Sandri è un’ala con indubbie forze e spiccato atletismo, buona visione di gioco, ottimo difensore. I suoi numeri: 9.2 punti col 55%2 e il 32%3, 3.7 rimbalzi e 1.4 assist a match.

# 35 Brandon SHERROD, Centro.  Il pivot è Sherrod, nato a Bridgeport, Connecticut, nel 1992, 198 cm, prodotto della prestigiosa Università di Yale dove ha giocato per 4 stagioni in NCAA, abbina atletismo alla fisicità ed energia a rimbalzo. Lo scorso anno fu protagonista nelle 5 gare contro Treviglio in maglia rosetana. Quella di Napoli è la 4° stagione in Italia dopo la prima a Roseto (12,8 punti e 8.2 rimbalzi), la seconda a Scafati (14.6 punti e 10.5 rimbalzi), e l’ultima ancora in Abruzzo dove ha concluso con 15.4 punti e 8.4 rimbalzi. Con Roderick è la stella di Napoli: 13.4 punti (58% da due), 7.8 rimbalzi e 4.4 falli subiti ad allacciata di scarpe.

LA PANCHINA

# 4 Francesco GUARINO, Play. Quarant’anni e non sentirli, Guarino è il primo ex Treviglio di questa Napoli. Regista, si fa trovare pronto quando Monaldi ha bisogno di rifiatare. La scorsa stagione con quasi 10 punti di media e 3.7 assist serviti ai compagni gli è valsa la riconferma in biancoazzurro. Oltre all’intelligenza in cabina di regia, Guarino sa essere pericoloso in pick&roll, dall’arco e ai liberi è una certezza. Prodotto del vivaio della Fortitudo Bologna, il “Guaro” vanta una carriera di assoluto livello, tra serie B e serie A2: cominciata a Ferrara e passata poi per Ozzano, Argenta, Dinamo Sassari , Forlì, Veroli, Treviglio, Barcellona Pozzo di Gotto, Trapani, Ferentino, Matera, Valmontone e Recanati. Tanti i successi inanellati nella sua lunghissima carriera tra i quali le storiche promozioni conquistate a Sassari, Barcellona Pozzo di Gotto, Trapani e Ferentino. L’esperto playmaker, tra i protagonisti lo scorso anno con la maglia azzurra, gioca 10 minuti di media in questa stagione. Per il resto 2.5 punti, 50% da 2, il 44% da 3 in quasi 12’ sul parquet.

# 3 Hugo ERKMAA, Play. Estone che sta completando la formazione italiana, classe ‘99, è ritornato alle pendici del Vesuvio dopo aver iniziato la stagione in Serie B con la Scandone Avellino. Lo scorso anno era parte del roster proprio della Ge.Vi che si classificò quinto nella terza serie nazionale.

# 9 Amar KLAČAR, Play/Guardia. Bosniaco classe 2000, 199 cm, cresce nelle giovanili di Košarkaški Klub Radnički Goražde in Bosnia ed Erzegovina. Nel 2016/17 approda in Italia a Rapallo, firmando con Catanzaro nella stagione successiva. Dopo un’ottima stagione alla Virtus e la conquista del titolo Under 18 regionale, viene promosso in prima squadra (Serie B), chiudendo la stagione con 5.5 punti di media, 2,4 rimbalzi e 1 assist per gara. È nel giro delle nazionali giovanili della Bosnia-Erzegovina. In stagione 0.5 punti in poco più di 4 minuti.

#5 Martino MASTELLARI, Guardia. Altro innesto in corsa, per rimpolpare la panchina, alla sua 8° partita in maglia azzurra, arriva da Montegranaro (10,6 e quasi 2 assist in 19 minuti di media). Classe 1996, 1,93, è un esterno duttile, atletico, cresciuto cestisticamente nelle giovanili della Fortitudo Bologna, con cui esordisce in prima squadra nel 2013, in DNB. Passa poi all’Andrea Costa Imola in DNA Gold, poi a Pistoia, dove esordisce in Serie A, Ferrara e Brescia. In azzurro ha ritrovato coach Sacripanti con cui ha condiviso alcune esperienze in Nazionale giovanile. I suoi numeri: 6.3 punti, 0.9 rimbalzi e 1.9 assist in 21’ di utilizzo a match.

# 11 Nemanja DINCIC, Ala. Nonostante la giovane età, l’ala serba è già al suo 4° campionato di A2, dopo aver trascorso le giovanili all’Assigeco Casalpusterlengo, permanenza che gli è valsa la formazione cestistica italiana. Proprio con l’Assigeco debutta nel 2015 mentre l’anno successivo gioca ben  20 partite, con 3,6 punti in 14 minuti di impiego medio. Due stagioni or sono, a gennaio, firma con Treviglio dove chiude con 5.5 punti di media in 13 minuti sul parquet, prezioso in chiave salvezza per la squadra di coach Vertemati. Lo scorso anno firma a Napoli dove chiude con 12 punti e 8 rimbalzi, cifre che gli valgono la riconferma. È un #4 tattico che ama attaccare il canestro sfruttando la stazza fisica notevole e la mano educata.  Quest’anno gioca circa  8’  con  2.1 punti, 1.4 rimbalzi ed un buon 44% da due.

# 34 Stefano SPIZZICHINI, Ala/Centro. Lungo classe ‘90, è un giocatore esperto e continuo. Tante le maglie vestite dal romano: esordisce in  Serie A con la Sutor Montegranaro nella stagione 2006-2007, poi Lumezzane, Ozzano, Virtus Siena, Ragusa e Firenze. Nel 2013/2014 si accasa alla Fortitudo Bologna, mentre l’anno successivo diventa il miglior realizzatore della NPC Rieti, con cui vince il campionato:  11.3 punti (con il 52% da due), 7.2 rimbalzi e 1.3 assist di media a partita il suo bottino. Nel 2015/2016 firma ad Agropoli (A2) dove termina con 7 punti e 9 rimbalzi di media. Veste poi la maglia di Recanati, Trapani, Scafati (10.3 punti e 5 rimbalzi di media). È reduce da un’annata in A1 con la Sidigas Avellino (3 punti di media e 2 rimbalzi a partita). Le sue mani educate e le buone % al tiro dall’arco, fanno di lui un lungo atipico e pericoloso. Finora, in stagione a Napoli, 7.4 punti in 24 minuti, 46%2 conditi da 4.2 rimbalzi e 1.2 assist.

#7 Antonio IANNUZZI, Centro. Arrivato la scorsa settimana per allungare il roster di coach Sacripanti, il 29enne pivot avellinese,  208 cm, proviene dall’Happy Casa Brindisi, squadra che milita in Serie A. Cresciuto cestisticamente tra i vivai di Avellino e della Mens Sana Siena, nella sua carriera cestistica annovera una promozione in Legadue con Ferentino (9 punti e 7 rimbalzi di media), gli anni di Matera (2012-14) e Omegna in A2 Silver (2014-16 con 18 punti, 7 rimbalzi e 1.3 assist). Lo scorso anno ha vestito la canotta della Openjobmetis Varese; prima è stato, sempre in Serie A, a Capo d’Orlando (2016/17) e Torino (2017/18). Ha esordito nel 2018 nella Nazionale maggiore durante le qualificazioni al mondiale China 2019. Ha esordito domenica contro Trapani segnando 11 punti, col 67% da due e 5 rimbalzi

ULTIME NEWS

Grazie a tutti, ritorneremo presto!
09/04/2020
Emergenza COVID-19: La FIP dichiara conclusa la stagione 2019/2020 del Campionato di A2 maschile
07/04/2020
LNP lancia il format “Leggende”: la sfida tra i giocatori più amati dei club di A2
30/03/2020

CLASSIFICA

SERIE A2 OVEST OLD WILD WEST

PosSquadraPTI
136
232
332
430
528
628
728
828
926
1022
1120
1216
1314
1410

PROSSIMA PARTITA